Variazione nominativo dell’energy manager

In caso l’energy manager venisse sostituito durante l’anno va comunicato alla FIRE o al MiSE l’avvenuto cambio? Resta comunque valida la nomina?

L’obbligo per i soggetti con consumi oltre la soglia prevista dall’articolo 19 della Legge 10/91 è procedere alla nomina entro il 30 aprile di ciascun anno. Se il responsabile nominato (energy manager) dovesse cambiare durante l’anno non vi è obbligo o necessità di comunicarlo, si comunicherà il nuovo nome con la nomina dell’anno successivo. Lo stesso vale per i soggetti che procedono alla nomina volontaria, si potrà comunicare il nuovo nominativo l’anno successivo.
Se lo si ritiene opportuno può essere segnalato alla FIRE (e-mail: energymanager@fire-italia.org) il nominativo del nuovo energy manager, ma a fini principalmente informativi (es. qualora si volesse rendere lo stesso coinvolto nelle iniziative che vengono condotte con/per gli energy manager quali indagini, partecipazione a convegni, aggiornamenti etc.).
Proprio per tener conto della possibilità che un energy manager possa interrompere il rapporto di collaborazione/lavoro, per garantire una continuità di comunicazione con il nominante viene richiesto il nominativo di un referente diverso dall’energy manager.