Legge 10/91 (articoli 19 e 34)

La Legge 9 gennaio 1991 numero 10  ha previsto quanto segue (articoli 19 e 34):

Articolo 19

  1. Entro il 30 aprile di ogni anno i soggetti operanti nei settori industriale, civile, terziario e dei trasporti che nell’anno precedente hanno avuto un consumo di energia rispettivamente superiore a 10.000 tonnellate equivalenti di petrolio per il settore Industriale ovvero a 1.000 tonnellate equivalenti di petrolio per tutti gli altri settori, debbono comunicare al Ministero dell’Industria del Commercio e dell’Artigianato* il nominativo del tecnico responsabile per la conservazione e l’uso razionale dell’energia.
  2. La mancanza della comunicazione di cui al comma 1 esclude i soggetti dagli incentivi di cui alla presente legge. Su richiesta del Ministero dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato i soggetti beneficiari del contributi della presente legge sono tenuti a comunicare i dati energetici relativi alle proprie strutture e imprese.
  3. I responsabili per la conservazione e l’uso razionale dell’energia individuano le azioni, gli interventi, le procedure e quanto altro necessario per promuovere l’uso razionale dell’energia, assicurano la predisposizione di bilanci energetici In funzione anche dei parametri economici e degli usi energetici finali, predispongono i dati energetici di cui al comma 2.
  4. Entro novanta giorni dalla data dell’entrata in vigore della presente legge l’ENEA provvede a definire apposite schede informative di diagnosi energetica e di uso delle risorse, diversamente articolate in relazione ai tipi d’impresa e di soggetti e ai settori di appartenenza.
  5. Nell’ambito delle proprie competenze l’ENEA provvede sulla base di apposite convenzioni con le regioni e con le province autonome di Trento e di Bolzano a realizzare idonee campagne promozionali sulle finalità della presente legge, all’aggiornamento del tecnici di cui al comma 1 e realizzare direttamente ed indirettamente programmi di diagnosi energetica.

* La nomina va inviata alla FIRE, secondo quanto stabilito dalla Circolare MISE 18 dicembre 2014

Articolo 34 comma 8

L’inosservanza della disposizione che impone la nomina, ai sensi dell’art. 19, del tecnico per la conservazione e l’uso razionale dell’energia, è punita con la sanzione amministrativa non inferiore a lire dieci milioni e non superiore a cento milioni.



Warning: Use of undefined constant php - assumed 'php' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/fireital/public_html/em/wp-content/themes/pressroom/templates/content-single.php on line 13